Il Forum ufficiale italiano SUZUKI DR 350
 
IndiceIndice  FAQFAQ  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Topic del momentoTopic del momento  RegistratiRegistrati  Accedi  

Condividi | 
 

 Possibilità di omologare i DR350 motard

Andare in basso 
AutoreMessaggio
gratfabri
Utente Medio
avatar

Numero di messaggi : 95
Data d'iscrizione : 20.01.16

MessaggioTitolo: Possibilità di omologare i DR350 motard   Gio 28 Gen 2016 - 23:05

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 56 del 7/3/2013 il Decreto 10 gennaio 2013 n.20, relativo “all'approvazione nazionale di sistemi ruota, nonché procedure idonee per la loro installazione quali elementi di sostituzione o di integrazione di parti di veicoli sulle autovetture nuove o in circolazione”.

Un provvedimento, in vigore dal 22 marzo 2013, che va a sopperire a una assenza di legislazioni in questo senso, dato che l'Italia fino a ora (a differenza di altri Paesi, come Germania e Giappone) non aveva una norma di riferimento a livello di omologazione (a questo proposito si legga l'intervista fatta a Corrado Bergagna, presidente di Assoruote).

Cosa dice il Decreto n. 20?

Il Decreto n. 20 consente di montare ruote (pneumatici e cerchi in lega) di dimensioni differenti rispetto a quelle indicate nel libretto di circolazione senza dover ottenere il nulla osta da parte della Casa costruttrice.
Quali cerchi potranno essere venduti?

Solo quelli con l’omologazione europea (UN/ECE n° 124) o italiana. Quelli appartenenti alla prima categoria dovranno avere necessariamente le stesse dimensioni di quelle previste a libretto dalla Casa costruttrice dell’auto mentre quelli appartenenti alla seconda categoria potranno avere dimensioni diverse.
Quindi sarà possibile montare cerchi in lega di qualsiasi dimensione?

Sarà possibile montare cerchi in lega con misure omologate dal produttore del componente che abbiano indicato in maniera evidente (a pneumatico installato) il numero di omologazione italiano NAD. L’auto che sarà equipaggiata con i nuovi cerchi dovrà fare inoltre parte del “Campo d’Impiego” (il documento che contiene tutte le informazioni utili per effettuare correttamente le procedure d’installazione) per cui la ruota stessa è stata omologata.
Quali saranno le procedure da effettuare per adottare cerchi di diametro diverso?

Verificare quali cerchi sono adatti alla vettura, montarli e farsi rilasciare dal gommista il certificato NAD che comprende il Campo d’Impiego, la dichiarazione di corretto montaggio e il certificato di conformità per il sistema ruota.
Bisognerà aggiornare la carta di circolazione?

Se la misura degli pneumatici adottati non è riportata sulla carta di circolazione sì, altrimenti sarà sufficiente conservare nella propria vettura tutta la documentazione fornita dal gommista.
Come si aggiornerà la carta di circolazione?

Non ci sarà più bisogno del nulla osta della Casa automobilistica: ci si dovrà recare presso gli uffici della Motorizzazione (della stessa provincia di appartenenza del gommista che ha effettuato l’installazione) con tutta la documentazione precedentemente citata a cui andranno aggiunti un modulo da compilare e due attestazioni di versamenti di 25,00 euro e 16,00 euro. Il funzionario della Motorizzazione attesterà l’originalità dei documenti e il corretto montaggio sulla vettura e - in caso di esito positivo - trascriverà a libretto la nuova combinazione auto-ruota-pneumatico.

scratch scratch

Legge uguale per autoveicoli e motoveicoli....non ho idea se valga per i ciclomotori ma chissene..ci vediamo dal gommista XD
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
gratfabri
Utente Medio
avatar

Numero di messaggi : 95
Data d'iscrizione : 20.01.16

MessaggioTitolo: Re: Possibilità di omologare i DR350 motard   Gio 28 Gen 2016 - 23:09

spero sia questa la sezione più adatta..penso possa interessarvi...
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Andrea Righini
Utente Esperto
avatar

Numero di messaggi : 2747
Data d'iscrizione : 13.08.10
Età : 56
Località : Bologna

MessaggioTitolo: Re: Possibilità di omologare i DR350 motard   Ven 29 Gen 2016 - 7:24

Question devo rileggere Question

Mi par strano che sia pasta sotto silenzio , risolverebbe quasi tutti i casi d'irreperibilità pneumatici .

Grazie dello spunto
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
gratfabri
Utente Medio
avatar

Numero di messaggi : 95
Data d'iscrizione : 20.01.16

MessaggioTitolo: Re: Possibilità di omologare i DR350 motard   Ven 29 Gen 2016 - 9:35

di nulla. appena l'ho letto ho subito pensato potesse ritornarvi utile..
Sto ancora cercando di capire dov'è la truffa in questa legge...Ma se và che và....rifamo le scarpette ai nostri dr..
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Karma
Utente Esperto
avatar

Numero di messaggi : 1018
Data d'iscrizione : 19.03.13
Età : 22
Località : Udine

MessaggioTitolo: Re: Possibilità di omologare i DR350 motard   Ven 29 Gen 2016 - 9:50

Mi ricordo di aver letto qualcosa al riguardo in un forum di auto d'epoca. Il problema, se non ricordo male, è che il costruttore deve """omologarla""" per i vari modelli (forse è proprio questo Campo d'Impiego) e si disquisiva riguardo l'effettivo interesse economico da parte di un'azienda di penare per omologare un prodotto per un'auto/moto d'epoca o datata, con il limitato mercato che avrebbe poi. Dunque, prendete con le pinze quanto vi dico poichè potrei sbagliarmi, se volessimo montare dei cerchi da motard è necessario che chi produce questi cerchi abbia inserito il DR tra i modelli su cui possono essere montati.

Contento di essere smentito se mi sbaglio!
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Andrea Righini
Utente Esperto
avatar

Numero di messaggi : 2747
Data d'iscrizione : 13.08.10
Età : 56
Località : Bologna

MessaggioTitolo: Re: Possibilità di omologare i DR350 motard   Ven 29 Gen 2016 - 10:00

Giusto ( con possibilità di smentita)

Pensare che un produttore affronti i costi d'omologazione per un prodotto fuori produzione mi sembra strano .

Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
gratfabri
Utente Medio
avatar

Numero di messaggi : 95
Data d'iscrizione : 20.01.16

MessaggioTitolo: Re: Possibilità di omologare i DR350 motard   Ven 29 Gen 2016 - 10:07

Karma ha scritto:
Mi ricordo di aver letto qualcosa al riguardo in un forum di auto d'epoca. Il problema, se non ricordo male, è che il costruttore deve """omologarla""" per i vari modelli (forse è proprio questo Campo d'Impiego) e si disquisiva riguardo l'effettivo interesse economico da parte di un'azienda di penare per omologare un prodotto per un'auto/moto d'epoca o datata, con il limitato mercato che avrebbe poi. Dunque, prendete con le pinze quanto vi dico poichè potrei sbagliarmi, se volessimo montare dei cerchi da motard è necessario che chi produce questi cerchi abbia inserito il DR tra i modelli su cui possono essere montati.

Contento di essere smentito se mi sbaglio!

con questa legge non è suzuki a doverti dare permessi...bensi serve una dichiarazione che quella ruota è omologata per legge (omologa come per le marmitte quindi una questione di standard costruttivi)ed il gommista che la monta,ovvero il gommista dichiara che effettivamente nel dr ci stanno quelle ruote e che strutturalmente vanno bene...


per vendere un prodotto devono omologarlo ugualmente..
le marmitte che vendono non sono omologte?
le ruote che compriamo afermarket non sono omologate? tutto è omologato. per omologa non intendono alla motorizzazione,ma che i costruttori delle ruote e dei copertoni dichiarino che quel determinato copertone o ruota è stato prodotto seguendo le direttive europee..
Da quello che ho capito da questa legge,io vado dal gommista autorizzato,gli porto le ruote di un XR650 motard (se non erro 120 anteriore e 160 posteriore entrabe r17)ruote che ovviamente per esere vendute sono omologate di suo,lui le monta mi fa la dichiarazione vado in motorizzazione e procedo..
(dimenticavo di precisare che ho fatto un esempio alla carlona,non ho idea se ci sta dietro un 160.il mio monta 150 e già sta ai limiti assoluti.)



News:



Con questa nuova norma, l'onere di riconoscere la compatibilità della gomma maggiorata con l'autoveicolo ricade sul costruttore della ruota.
Approfondimento moto tuning(clicca qui)
La nuova documentazione da presentare alla Motorizzazione si riduce, quindi, al certificato di omologazione del cerchio ed alla dichiarazione del gommista (è quest'ultimo, infatti, che dichiara di aver montato tanto la ruota quanto lo pneumatico attenendosi alle prescrizioni).
Dal 1 gennaio 2015 è entrato in vigore il Decreto 20 (detto DECRETO RUOTE) emanato il 10 GENNAIO 2013 dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sul "sistema ruota" (omologazione dei cerchi e tuning) per autoveicoli. Il decreto prevedeva l’entrata in vigore della normativa il 23 marzo 2014, ma con una circolare è stato poi rinviato all'inizio del 2015 per la complessità della norma stessa.

Cosa cambia?

Con l'entrata in vigore del Decreto nr. 20, si potranno montare sia pneumatici sia cerchi in lega di dimensioni diverse rispetto a quelle indicate nel libretto di circolazione, senza il nulla osta della casa costruttrice. A patto che i cerchi siano stati omologati in origine dal produttore e riportino la marcatura che ne evidenzi l'omologazione.

In Italia potranno essere venduti cerchi con omologazione italiana, che potranno avere anche dimensioni diverse da quelle indicate sul libretto. Potranno essere venduti anche quelli con l'omologazione europea, in questo caso però dovranno avere le dimensioni previste nella carta di circolazione.

Per poterli montare bisognerà verificare che questi cerchi siano adatti alla vettura e farsi rilasciare dal gommista il certificato NAD, che comprende il Campo d'Impiego (ovvero il documento con tutte le informazioni per effettuare correttamente le procedure d'installazione), la dichiarazione di corretto montaggio e il certificato di conformità per il sistema ruota.

Bisognerà poi aggiornare la carta di circolazione presso gli uffici della Motorizzazione (della provincia dell'officina presso cui è stato effettuato il montaggio) con i tre documenti indicati sopra più un modulo da compilare, e l'attestazione dei versamenti di 25 e 16 euro.

TESTO INTEGRALE DEL DECRETO NR. 20 emanato il 10 GENNAIO 2013 dal Ministero

LEGGI LA CIRCOLARE 6902 del 25.3.2014 (proroga)


AGGIORNAMENTO AL 18/02/2015 - DEROGA ALLE PRESCRIZIONI DEL DECRETO

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha emanato in data 18 febbraio 2015 una circolare relativa al Decreto 20/2013 sui sistemi ruote (omologazione e soft tuning) che comunica la predisposizione di una deroga alle prescrizioni del Decreto 20, che mutua l’istituto di deroga “di fine serie” per l’immissione in circolazione di veicoli.

Il Decreto 20/2013, proprio a causa delle difficoltà tecniche e pratiche per andare a regime, era stato oggetto di proroga al 1 gennaio 2015. Le tempistiche necessarie alle procedure di omologazione e la congiuntura economica hanno reso però necessario un ulteriore intervento di differimento che si concretizza in una deroga alle prescrizioni del Decreto 20 per la commercializzazione sul territorio nazionale delle ruote in stock fino al 30 settembre 2015.

La circolare del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti specifica che: "la deroga può essere richiesta unicamente dai produttori di ruote accreditati per la produzione in serie presso la Direzione Generale per la motorizzazione o presso un Centro Prova Autoveicoli e può riguardare solamente le ruote in stock, prodotte e importate sul territorio della Comunità europea entro il 30 novembre 2014, le quali potranno essere commercializzate fino al 30 settembre 2015".

La Direzione generale per la Motorizzazione predisporrà un elenco dei Costruttori che hanno richiesto e ottenuto la deroga e che sarà pubblicato sul sito del Ministero

scratch scratch  non resta che andare di persona a chiedere spiegazioni a chi di dovere.da qualche parte avevo anche letto del fatto che il decreto è retroattivo,cio permette di omologare anche le ruote pre-decreto con medesima modalità..
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Karma
Utente Esperto
avatar

Numero di messaggi : 1018
Data d'iscrizione : 19.03.13
Età : 22
Località : Udine

MessaggioTitolo: Re: Possibilità di omologare i DR350 motard   Ven 29 Gen 2016 - 13:30

gratfabri ha scritto:
con questa legge non è suzuki a doverti dare permessi

ok, fin qui ci siamo, siamo d'accordo

gratfabri ha scritto:
...bensi serve una dichiarazione che quella ruota è omologata per legge (omologa come per le marmitte quindi una questione di standard costruttivi)ed il gommista che la monta,ovvero il gommista dichiara che effettivamente nel dr ci stanno quelle ruote e che strutturalmente vanno bene...

ecco qui le cose sono leggermente, penso, e infatti tu stesso riporti:


gratfabri ha scritto:
Con questa nuova norma, l'onere di riconoscere la compatibilità della gomma maggiorata con l'autoveicolo ricade sul costruttore della ruota.

questo è ciò che intendo, infatti parlavo di costruttore intendendo della ruota, non più mamma Suzuki. E pertanto la tesi sostenuta sull'altro forum era che ad un costruttore di ruote interessa, ad esempio, "omologare" dei cerchi da motard per la Suzuki DRZ 400 ma magari fare la stessa procedura per il DR 350 non vale la pena e la spesa. Omologare è tra virgolette perchè sì, come dici tu, ovviamente qualsiasi prodotto per moto è omologato, ma questo decreto prevede il riconoscimento della compatibilità modello per modello, e non penso che basti una firmetta, mi sa che ci sono test da svolgere (si parla infatti di ONERE di riconoscere la compatibilità etc etc) come per qualsiasi "modifica" da potersi fare ad un veicolo circolante su suolo pubblico. La differenza è che sarebbe ufficializzato per tutti gli esemplari del suddetto modello
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
gratfabri
Utente Medio
avatar

Numero di messaggi : 95
Data d'iscrizione : 20.01.16

MessaggioTitolo: Re: Possibilità di omologare i DR350 motard   Ven 29 Gen 2016 - 21:52

mmmm..e c'hai anche ragione.tutto dipenderà da quanta difficoltà troveranno e dai costi da sostenere per i produttori.
Non capisco però perchè i test per rendere omologabile sul modello X una ruota non dovrebbero valere anche per la moto Y..inoltre ricordo di aver letto un qualcosa riguardo a tutti i veicoli e alle ruote prodotti prima di questa legge,e che se non erro era retroapplicabile.
Alla fin fine è una ruota...Deve girare...
sulla questione dichiarazione del gommista invece,presumo faccia il lavoro che faceva quella dell'ingegnere nella vecchia legge..
Se questo "professionista iscritto all'albo" dichiara che la ruota X costruita seguendo le norme costruttive previste dalla normativa Y,è stata effettivamente montata sulla moto Z seguendo sempre le direttive della legge Y,dovrei poter ottenere il collaudo alla motorizzazione,che teoricamente dovrebbe convalidare il fatto,ovvero che quelle maledettissime ruote sono montate e che la moto cammina frena ecc.

Non ho avuto molto tempo oggi,appena ho qualche notizia aggiorno il thread...magari provvederò personalmente ad inoltrarmi su questo perorso per darvi notizie certe ed eventuali scan delle documentazioni e dei risultati finali.. So che ci sarà un'inghippo da qualche parte...sono nato sotto il segno della sfortuna,ma vedo una possibilità,sta legge è pur sempre un passo avanti,chissà che da qui a breve non definiscano meglio il discorso anche permodelli datati come i nostri.

Se voi trovate notizie in merito vi prego di scriverle qui..
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Possibilità di omologare i DR350 motard   

Tornare in alto Andare in basso
 
Possibilità di omologare i DR350 motard
Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Possibilità di omologare i DR350 motard
» DR350 RALLY
» in 2 sul dr350 oppure sul drz400 ,...come si stà??
» Cerchio in lega motard su forcella tte 600
» lista della spesa restauro DR350

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: Forum Tecnico :: Forum Tecnico Generale-
Andare verso: